Contratto di servizio: cos’è?

È l’insieme di regole che determina cosa vedremo sui canali RAI e come lo vedremo.
La Rai è tenuta a rispettare un Contratto di servizio che stabilisce obblighi e linee guida da seguire per adempiere alla funzione di servizio pubblico. Ha durata triennale ed è sottoscritto da Rai e Ministero dello Sviluppo Economico. Per approvarlo è necessario il parere, non vincolante, della Commissione di Vigilanza Rai.
Attualmente è in vigore il contratto 2010 – 2012 poiché la gestazione del nuovo si è dovuta fermare per la caduta del Governo Monti (dicembre 2012), per le elezioni (febbraio 2013) e per la formazione del nuovo governo.

LE RAGIONI DI QUESTO SITO

Dal 7 maggio dell'anno 2014 la commissione di Vigilanza Rai di cui sono il presidente ha proposto modifiche per rendere la RAI più equa nel pagamento del canone, più attenta a chi vuole imparare le lingue, più vicina a artisti e registi esordienti, più rispettosa dei bambini. Tutte queste proposte sono contenute nel nuovo contratto di servizio, che, però, giace da mesi nei cassetti del Ministero dello Sviluppo Economico e non si sa quando sarà sottoscritto. Vogliamo tutti un servizio televisivo nuovo, di cui andare fieri! Il Ministero e la Rai ne devono tenere conto, per questo vi chiediamo di farglielo sapere. Per migliorare la Rai basta una firma.

Roberto Fico – Presidente della Commissione di Vigilanza Rai

DIFFONDI QUESTA CAMPAGNA

MANDA UN'email AL PRESIDENTE RAI E AL RESPONSABILE PER IL MISE:
COMPILA IL MODULO con nome, cognome ed email ed invia

* Campi obbligatori